19 ottobre 2014

ROTTAMIAMO LE GRANDI OPERE INUTILI E IMPOSTE

SBLOCCHIAMO LE PICCOLE OPERE UTILI E NECESSARIE

I comitati italiani in lotta contro le Grandi Opere Inutili e Imposte (GOII) riuniti a Firenze il 18 e 19 ottobre dichiarano che il decreto “sblocca Italia” è l'ultimo provvedimento per sottrarre ai cittadini enormi risorse finanziarie e la ricchezza unica rappresentata dal territorio.

Ciò è dimostrato anche dall'ennesimo disastro ambientale avvenuto negli ultimi giorni in Liguria e Toscana.  Alle popolazioni colpite è stata espressa la solidarietà del Forum contro le GOII.

Si è tenuto un ricco dibattito da cui è emersa la necessità di una reale alternativa alla folle politica delle Grandi Opere e della cementificazione, parte della gestione neoliberista della crisi.

E' stato deciso che i comitati e i movimenti che animano il Forum contro le GOII organizzeranno  anche quest'anno eventi diffusi sul territorio nazionale nell'ambito della Giornata Europea contro le GOII che si celebra l'8 dicembre.

Il Forum italiano contro le GOII ha deciso di partecipare al Forum Sociale Mondiale che si terrà a Tunisi nel prossimo mese di marzo 2015.

Domenica mattina 19 ottobre i partecipanti all'incontro hanno posto, assieme alla sezione Oltrarno dell'ANPI, una corona di fiori in piazza Tasso, al monumento che ricorda la strage nazifascista del 17 luglio 1944, avvenuta pochi giorni prima della liberazione di Firenze.

Contatto: No Tunnel TAV
http://notavfirenze.blogspot.com/
338 309 2948

17 ottobre 2014

sabato 18 e domenica 19 ottobre

Nel ricordare l'incontro di comitati contro le Grandi Opere Inutili e Imposte di sabato 18 e domenica 19 ottobre facciamo presente che faremo una diretta twitter: per gli interessati l'hashtag è #nograndioperefi

Incontro e dibattito con Winfried Wolf



La crisi, l'Unione Europea, i rischi di guerra
Uno sguardo dalla Germania


Incontro e dibattito con Winfried Wolf
direttore delle riviste Luna Park 21 e Gegen den Krieg (contro la guerra)
Domenica 19 ottobre 2014 ore 17.00
sala delle ex Leopoldine, piazza Torquato Tasso 7
In questa crisi mondiale l'Europa sembra il malato più grave. L'Italia è uno dei punti più acuti in cui la recessione, la disoccupazione, l'impoverimento si fanno più sentire....





INCONTRO IL 18-19 OTTOBRE A FIRENZE


Un invito a tutti i gruppi in lotta in Italia contro le Grandi Opere Inutili e Imposte
Il Comitato fiorentino che si oppone ad un inutile progetto TAV (il sottoattraversamento ferroviario AV della città) sente il bisogno di un incontro con associazioni, movimenti e comitati che conducono in Italia lotte simili. A questo scopo ospiteremo un incontro nella nostra città, Firenze, nel fine settimana del 18-19 ottobre 2014


16 ottobre 2014

Il Comitato No Tunnel TAV fa il punto della situazione con Cantone

Comunicato stampa

Il Comitato No Tunnel TAV fa il punto della situazione con Cantone

Il Comitato No Tunnel TAV di Firenze ha inviato alcune note tecniche al presidente dell'ANAC (Autorità Nazionale Anti Corruzione) che facciano il punto sulla vicenda del Passante AV.
Ovviamente tutti i problemi sono irrisolti; resta lo stallo della politica locale e nazionale che non sa come liberarsi di questo progetto impossibile.
Il Comitato ribadisce che la soluzione sarebbe semplicissima, economica ed efficace: abbandonare il progetto e destinare quei fondi al potenziamento della rete di superficie realizzando servizi metropolitani, collegamenti tra gli aeroporti (il Galilei di Pisa potrebbe essere raggiungibile dal Vespucci di Firenze in 35 minuti), servizi per i pendolari.
Il comitato ha anche organizzato un incontro nazionale tra gruppi che si oppongono alla “Grandi Opere Inutili e Imposte” sabato 18 e domenica 19 ottobre 2014 presso la sala delle ex Leopoldine, in piazza Torquato Tasso 7.
Obiettivi dell'iniziativa sono tessere relazioni, dare risposte collettive al precipizio rappresentato dallo “Sblocca Italia”, verificare la possibilità di realizzare un Forum italiano che si occupi di grandi opere e urbanistica., darsi strumenti di collegamento.
All'interno della due giorni ci sarà anche un incontro con Winfried Wolf, economista tedesco, direttore della rivista Luna Park 21 su temi quanto mai attuali: la crisi economica, la crisi dell'UE e i pericoli della guerra in Ucraina. Il confronto con una voce dall'altro polo delle crisi europea speriamo possa essere utile.

Note tecniche inviate al presidente ANAC

10 ottobre 2014

Segnaliamo


Comunicato stampa| Comitato Stop TTIP - Firenze| fb:StopTTIPFirenze| mail:stopttipfirenze@gmail.com| sito:http://stop-ttip-italia.net/ |cell. 3351246548

#11ottobre: Firenze aderisce alla giornata di mobilitazione internazionale per fermare il TTIP, Trattato Transatlantico di libero scambio tra Unione Europea e Stati Uniti dandosi appuntamento alle ore 15,30 sul Ponte Santa Trinita.

Il Comitato fiorentino STOP TTIP aderisce alla mobilitazione internazionale che ha come obiettivo il TTIP ed invita alla partecipazione singoli e realtà impegnate nella difesa dei diritti e dei beni comuni. Il trattato punta a creare il più grande mercato liberalizzato mondiale (40% del PIL globale) a tutto vantaggio di grandi imprese e investitori, ma minando alla base i diritti di lavoratrici e lavoratori, di cittadine e cittadini e delle comunità di entrambe le sponde dell’Atlantico.

La Campagna Stop TTIP Italia, coordinamento di più di 90 realtà di movimento, associazioni, organizzazioni sindacali e politiche, chiede il blocco immediato dei negoziati, evitando un trattato di liberalizzazione selvaggia tra Europa e Stati Uniti che metterebbe in discussione diritti acquisiti e sostenibilità sociale e ambientale.
.
L’11 ottobre saranno migliaia le persone che si mobiliteranno dalla Scandinavia alla Grecia, dal Regno Unito all’Italia per dire “No” ad un accordo commerciale negoziato segretamente, che mette a rischio i diritti sociali ed economici dei cittadini europei, abbassando drasticamente gli standard di qualità di prodotti e di processi produttivi e dando in mano alle imprese il potere di denunciare gli Stati chiedendo compensazioni, in base a una previsione di perdita di profitto a causa di normative legittimamente votate da Parlamenti eletti. 

09 ottobre 2014

18 e 19 ottobre, Firenze in lotta contro le grandi opere inutili e imposte

Riprendiamo dal #6 de La Città invisibile (leggi tutto il numero della rivista)

18 e 19 ottobre, Firenze in lotta contro le grandi opere inutili e imposte

L’iniziativa è nata dalla necessità, sentita anche da altri gruppi, in particolare della Val di Susa, di fare il punto sulla situazione italiana, sia dal punto di vista dei comitati, sia per valutare quanto questo fenomeno delle infrastrutture inutili sia consistente. È importante capire, dal punto di vista dei sostenitori delle GOII, da cosa è generato questo pullulare di progetti improbabili e spesso al limite del ridicolo, tale è la loro palese inutilità.

Nell’ottica dei comitati è essenziale valutare quella che i Francesi chiamano la “convergenza delle lotte”, cioè le strategie con cui gli oppositori si organizzano e rispondono agli attacchi subiti.

Il decreto “Sblocca Italia”, rivenduto dal querulo governo Renzi come l’extrema ratio che consentirebbe al paese di uscire dalla crisi economica scimmiottando improbabili politiche keynesiane, in realtà non è altro che un via libera spudorato ai più bassi istinti predatori di questo capitalismo nostrano in crisi di profitti e di idee; per quanto riguarda urbanistica e infrastrutture inutili è il benestare totale ad ogni bramosia cementificatrice, l’abolizione di ogni residuo controllo ambientale e economico per dare mano libera alle imprese costruttrici. Lo “Sblocca Italia” è sicuramente nella linea involutiva della politica italiana degli ultimi venti anni, ma rappresenta comunque un precipitare improvviso, un colpo severo ad ogni residuo controllo pubblico, in una parola una drastica contrazione della democrazia reale.

Due aspetti speriamo di far emergere chiaramente: l’assoluta assenza di effetti benefici e di rilancio sull’economia da parte delle GOII, e la pressoché totale mancanza di progettualità politica che affida ogni scelta ai bislacchi desiderata dei principali gruppi economico/finanziari. È soprattutto dal vuoto politico, dalla mancanza di risposte alternative alla follia corrente che nasce questa proposta di incontro delle realtà in lotta.

La moltitudine di comitati che nascono ovunque nel paese sembrano essere una seria risposta della società civile che, ad un primo sguardo, appare sempre più rassegnata e inerte, ma che in realtà dimostra un fermento vivissimo. La coscienza della ricchezza e dell’importanza di questo fenomeno tanto diffuso di auto-organizzazione è alla base dell’incontro; obiettivo è verificare il livello di coscienza collettivo esistente, ma soprattutto vedere se è possibile passare da una polverizzata conflittualità ad una sistematica proposta alternativa che proponga una seria redistribuzione della ricchezza e operi perché territorio e ambiente siano risorse di tutti, per tutti e da poter consegnare ai nostri figli.

La crisi di identità del mondo del lavoro, la sua frammentazione postfordista, ne hanno ridotto drasticamente le capacità propulsiva e di progettualità politica; a questo apparente – e speriamo momentaneo – letargo si contrappone una diffusa e vivida coscienza neo-ambientalista (1). Questo fronte disperso, ma vivo, pare essere l’unico e ultimo fronte di resistenza ad un totalitarismo del profitto che non riesce a vedere un mondo che vada al di là dei bilanci e degli indici di rendimento dei capitali: l’emergenza sociale, ambientale – tale da mettere addirittura a rischio la stessa sopravvivenza della specie nel medio termine – non sono nemmeno percepite, ne viene negata e occultata l’esistenza.

L’incontro di Firenze dei gruppi in lotta contro le GOII ha invece chiaro il quadro di pericoli cui sta andando incontro l’umanità (e il nostro paese) e deve dare risposte al precipizio verso cui ci spinge questa oligarchia sempre più autoreferenziale, autoritaria, scollegata dalla realtà. Insomma noi del comitato No Tunnel TAV fiorentino speriamo che queste giornate siano un piccolo contributo alla progettazione di un altro mondo possibile.

A conclusione e a latere del dibattito di due giorni abbiamo ritenuto opportuno organizzare anche un confronto con una autorevole voce dalla Germania: alle ore 17.00 di domenica 19/10 con Winfried Wolf, giornalista e economista tedesco (vicino ai comitati che a Stoccarda si oppongono ad un progetto di sottoattraversamento della città simile a quello fiorentino) parleremo di crisi economica e politica dell’Unione Europea, dei rischi di implosione della stessa, dei pericoli di una guerra di cui quella Ucraina potrebbe essere solo un pallido prodromo. Il confronto con uno sguardo diverso da quello mediterraneo crediamo possa essere utile a trovare la strada che porti ad una vera Europa dei popoli e di libere/i cittadine/i, non quella autoritaria di una commissione sfacciatamente al servizio di multinazionali e del sistema finanziario globale.

Nota

(1) Ci teniamo a questa definizione di neo-ambientalismo rappresentato dai gruppi che stanno nascendo in difesa di ambiente, città, beni comuni; il fallimento dell’ambientalismo tradizionale, ancorato solo alla difesa isolata di realtà parziali e completamente avulso da interazioni col mondo sociale, è sotto gli occhi di tutti. La coscienza che il conflitto non è tra essere umano e natura, ma tra capitale e esseri umani/natura va rendendosi sempre più palese e si spera rivoluzioni la cultura ancora dominante.

26 settembre 2014

Invito 4 ottobre

Il comitato No Tunnel Tav è felice di invitare tutti a un evento di argomento per noi insolito: la presentazione della prima biografia italiana del presidente dell'Uruguay Pepe Mujica, un politico fuori dal coro con un passato da guerrigliero. Per gettare uno sguardo fuori dal tunnel, per trovare un'altra politica possibile.

Presentazione del libro di Gianni Tarquini e Nadia Angelucci
Il presidente impossibile.
Pepe Mujica, da guerrigliero a capo di stato.
Prefazione di Erri De Luca - Nova Delphi Libri
SABATO 4 OTTOBRE 2014 ore 10
PALAZZO VECCHIO - SALA DELLE MINIATURE
Intervengono
N. Angelucci e G. Tarquini Autori
Tommaso Grassi Consigliere del gruppo "Firenze riparte a sinistra" 
Silvio Fancellu console dell'Uruguay in Toscana
Coordina Alma Raffi - Comitato No Tunnel Tav



24 settembre 2014

Partecipiamo!

Il comitato svolgerà nei prossimi giorni alcuni presidi informativi e di sensibilizzazione sulla necessità di abbandonare il progetto di sottoattraversamento.
Invitiamo tutti a partecipare:

  •     mercoledi 24 settembre dalle ore 10 alle ore 19.00 presso Ponte al Pino lato via Pacinotti
  •     giovedi 25 settembre dalle ore 10 alle ore 19.00 in via Circondaria (vicino al giardino pubblico del liceo)
  •     venerdì 26 settembre dalle ore 10 alle ore 19.00 piazza Libertà lato Parterre
Alleghiamo il volantino che sarà distribuito.

05 settembre 2014

Le terre di scavo dei cantieri TAV ai Macelli smaltite irregolarmente

Ancora una volta tutta la politica nazionale e locale pare concorde nel voler riprendere i lavori del Sottoattraversamento TAV. Nel decreto sblocca Italia un articolo sarebbe destinato proprio a deregolamentare l'uso delle terre di scavo come quelle che uscirebbero dal sottosuolo fiorentino. Il passaggio del controllo di Nodavia, la società che dovrebbe realizzare l'opera, da Coopsette a Società Italiana Condotte viene presentato come un lavacro purificatore dopo le rivelazioni dovute all'inchiesta della magistratura che ha trovato corruzione, truffa, materiali scadenti, rischi per ambiente e città.
Nonostante gli sforzi normalizzatori i cantieri TAV non paiono invece per niente normali. Il Comitato NO TUNNEL TAV che da anni si oppone a questo inutile progetto ha trovato che pochi mesi fa, nonostante le inchieste in corso, si sono avuti comportamenti piuttosto strani all'interno del cantiere: camion di terra venivano portati all'interno del cantiere, cosa piuttosto strana per lavori che producono terra invece di richiederne.
Abbiamo così potuto verificare che la terra introdotta, appena scaricata in apposite piazzole, veniva miscelata da una scavatrice con le terre prodotte nel cantiere e provenienti dalla realizzazione dei pali di ancoraggio (colonne sotterranee di cemento armato larghe 2,20 cm e profonde oltre 50 metri). Da quanto ci risulta la miscelazione di terre inquinate è una procedura non ammessa, per cui abbiamo provveduto a fare un esposto alla magistratura nell'aprile 2014 documentando con foto. Le prime miscelazioni rilevate risalgono al gennaio 2014. Non si è ritenuto opportuno pubblicare prima questi fatti per non intralciare le indagini della magistratura.
Per ogni persona buon senso resterebbe solo una cosa da fare: abbandonare questo progetto e destinare finalmente le risorse a lavori utili e che creino davvero posti di lavoro invece che profitti e vantaggi per imprese discusse e mafie infiltrate. Il comitato concorda con quanto affermato dall'associazione Idra: bisognerebbe guardare nel contratto di appalto del Passante se esistono davvero penali; a questo scopo è stato chiesto, nel mese scorso, di visionare il contratto stesso dall'onorevole Alfonso Bonafede con questo comitato e la risposta di RFI (cioè delle Ferrovie) è stata di diniego. Sarebbe veramente l'ora di smettere di giocare a nascondino e far sì che un po' di chiarezza fosse fatta: Regione, Comune, Governo dovrebbero rendere pubblici questi documenti ricordando che una premessa indispensabile per ogni democrazia è la possibilità di informazione corretta per i cittadini.
 


31 luglio 2014

Fermiamo i tunnel TAV sotto Firenze

Salviamo il Paesaggio, che ringraziamo, ha ripreso la nostra petizione. Ecco l'articolo pubblicato.
------------

Fermiamo i tunnel TAV sotto Firenze
Fra le grandi opere che sono in corso di realizzazione in Italia, il sottoattraversamento Alta Velocità di Firenze è una delle meno conosciute.
Il Comitato No Tunnel Tav si oppone da anni a questa opera che è altamente impattante sull’ambiente e sui cittadini, inutile da un punto di vista trasportistico e costituisce un enorme spreco di denaro pubblico. (Leggi tutto....)



20 luglio 2014

18 e 19 OTTOBRE, INCONTRO A FIRENZE, un invito a tutti i gruppi in lotta contro le grandi opere inutili

INCONTRO IL 18-19 OTTOBRE A FIRENZE
http://notavfirenze.blogspot.it/2014/07/vediamoci-ad-ottobre-firenze-un-invito.html

Sala delle ex Leopoldine, Piazza T. Tasso 7 (zona San Frediano, qui mappa)*
twitter #nograndioperefi

Un invito a tutti i gruppi in lotta in Italia contro le Grandi Opere Inutili e Imposte

Il Comitato fiorentino che si oppone ad un inutile progetto TAV (il sottoattraversamento ferroviario AV della città) sente il bisogno di un incontro con associazioni, movimenti e comitati che conducono in Italia lotte simili.
A questo scopo ospiteremo un incontro nella nostra città, Firenze, nel fine settimana del 18-19 ottobre 2014

Le "Grandi Opere Inutili e Imposte" sono ormai una costante in tutto il Paese, un fenomeno che devasta territori e comunità. Non sono più "questioni locali", ma un grave problema generale.
Sentiamo l'esigenza di verificare insieme quali sono gli obiettivi dei devastatori dei territori, dei beni pubblici e privati italiani, capire come i cittadini che si oppongono possono reagire attraverso l'analisi dei temi che uniscono e che possono dare forza reciproca.
Riteniamo importante un confronto per rafforzare le nostre reti, imparare gli uni dagli altri e verificare la possibilità di convergenza delle nostre lotte. Non abbiamo previsto interventi di esperti, vogliamo sia un dibattito tra attivisti tesi a progettare una alternativa concreta al dissesto politico e culturale che vive dietro le opere inutili, la speculazione, il degrado ambientale.
Il prossimo anno si terrà il 5° "Forum contro le Grandi Opere Inutili e Imposte" (dopo quelli in Romania, Germania, Francia e Italia) che riunisce movimenti e associazioni da tutta Europa, Nord Africa, Turchia. Vorremmo parlare anche di questo.

Proposta di programma
Il programma è indicativo, da costruire e modificare secondo le esigenze del dibattito

Sabato 18 ottobre

  • ore 9.30 - accoglienza e registrazione
  • ore 10.00 - dai problemi ambientali a quelli politici ed economici
  • ore 13.00 - pausa pranzo
  • ore 14.30 - le GOII (grandi opere inutili e imposte) nella crisi economica e sociale
Domenica 19 ottobre
  • ore 9.30 -  omaggio, con la partecipazione dell'ANPI Oltrarno, al cippo ai caduti nell'eccidio nazifascista di piazza Tasso il 17 luglio 1944
  • ore 10.00 – alternative politiche e di movimento, convergenza delle lotte
  • ore 13.00 – pausa pranzo
  • ore 14.30 – spazio aperto
Visto che sarà presente anche una delegazione dei comitati di Stoccarda abbiamo ritenuto utile un confronto sui temi importanti in questo memento come la crisi economica e politica dell'Unione Europea; un dibattito dal basso, che parta finalmente dai cittadini e non dalle sedi dei poteri forti:
  • ore 17.00 – La crisi, l'Unione Europea, i rischi di guerra; uno sguardo dalla Germania. Incontro e dibattito con Winfried Wolf, direttore delle riviste Luna Park 21 e Zeitung Gegen den Krieg (giornale contro la guerra)

Chi avesse bisogno di prenotare albergo, ostello, B&B a prezzi concordati contatti Judith judithscholz@tin.it (335 7013420)
Chi cercasse ospitalità presso famiglie contatti Martina taiutim@gmail.com (377 1291804)

Un saluto dal Comitato NO TUNNEL TAV di Firenze
notavfirenze@gmail.com 338 3092948
 

* Per raggiungerci qui mappa:
  • in treno: dalla stazione di Santa Maria Novella bus 12 con fermata in piazza Tasso, bus 11, 36, 37, D con fermata in via de' Serragli angolo con via del Campuccio (300 metri da piazza Tasso).
  • A piedi dalla stazione circa 1500 metri attraverso piazza Santa Maria Novella, via de' Fossi, ponte alla Carraia, via de' Serragli, via Santa Monaca, via di Camaldoli.
  • in auto: uscita autostrada A1 "Impruneta", seguire indicazioni per Firenze e centro storico; a Porta Romana imboccare viale Petrarca, dopo circa 500 metri si è in piazza Tasso; il parcheggio non è facilissimo.

al momento hanno confermato la loro partecipazione, tra gli altri, movimento no tav Val Susa, no tav Friuli, no off shore, Rete dei comitati in difesa del territorio, no MOSE, da Milano, Lombardia, Puglia, Campania, Sicilia...

16 luglio 2014

presidio

Il Comitato NO TUNNEL TAV di Firenze invita a partecipare al presidio di giovedì 17 luglio 2014 dallo ore 10.00, presso il Palazzo di Giustizia di Firenze, per dimostrare il proprio supporto a Riccardo Antonini, il ferroviere di Viareggio licenziato da Mauro Moretti, ex amministratore delegato delle Ferrovie.

La vicenda ha una speciale rilevanza perché ad Antonini si è sostanzialmente imputata una mancata fedeltà agli indirizzi aziendali delle Ferrovie dello Stato Italiano: il lavoratore licenziato si è offerto come tecnico di parte dei parenti delle vittime della strage di Viareggio del 29 giugno 2009, dove è emersa tutta l'arroganza e la spregiudicatezza di una gestione aziendale che sta lasciando linee e materiale rotabile in una penosa condizione di manutenzione, indirizzando la maggior parte delle risorse al servizio di "alta velocità".
Quanto poi la realizzazione di queste linee TAV sia segnata da inadempienze e gravissime ombre - come nel caso del "Passante di Firenze" dove un'inchiesta ha messo in luce il vergognoso livello di corruzione all'interno delle ferrovie stesse, degli organi di controllo e delle ditte coinvolte - rende ancora più nitida la figura impeccabile del ferroviere Riccardo Antonini, disinteressatamente impegnato nella difesa della sicurezza nelle ferrovie.
Se per questo paese, prostrato da troppe vicende di corruzione, connivenze mafiose e malaffare, ci sarà un futuro questo passerà per forza da persone come Riccardo; siamo sicuri che i giudici di Firenze non potranno ignorare l'abisso morale che divide questo semplice lavoratore dal superstipendiato Mauro Moretti.

12 luglio 2014

PRESIDIO

Lunedì 14 luglio - ore 19.00 - 21.30 - Ponte Santa Trinita- Firenze

PRESIDIO DI PROTESTA


28 ministri europei si riuniranno a Firenze il 14 luglio per il primo vertice europeo del nuovo semestre
Se non condividete le politiche europee dell'austerità
Se volete un'Europa con più lavoro, più diritti, più servizi,
Partecipate al presidio!