11 febbraio 2009

Un poco di chiarezza contro le mistificazioni

Viste le molte inesattezze che circolano sulla vicenda del passaggio dell’Alta Velocità a Firenze, ci sembra necessario fare alcune precisazioni:

1) nessuna valutazione di impatto ambientale ha mai preso in considerazione ipotesi alternative al tunnel nell’assetto attuale del tracciato, cioè con l’imbocco della tratta Firenze-Bologna nella direttrice di Monte Morello. Nei primi anni ’90 fu bocciata una ipotesi complessiva che, rimanendo in superficie, entrava nella valle del Mugnone con nuovo tracciato in zona Le Cure. E’ evidentemente impossibile confondere questo con l’ipotesi di semplice allargamento della infrastruttura esistente fra Campo di Marte e Castello.

2) l’ipotesi di non realizzare il tunnel prevede semplicemente la posa di due binari in più accanto a quelli esistenti in superficie. E’ facilmente dimostrabile, se qualcuno fosse interessato realmente a dare una soluzione al problema, che tale intervento è assolutamente fattibile, con pochissimi punti critici, fra cui la realizzazione di un nuovo tratto in galleria di circa 370 metri: difficile considerarlo più impattante di una galleria di 7.000 metri, che presuppone più di dieci anni di cantieri.

3) aggiungendo due binari in superficie si ottiene esattamente la stessa efficienza funzionale per il trasporto locale e metropolitano rispetto all’aggiunta di due binari in sotterranea. Anzi, viene casomai incrementata per la possibile ottimizzazione nell’uso promiscuo dei binari (banalizzazione). I famosi due binari in più, per cui vorrebbero sfasciare il sottosuolo di Firenze, si possono ottenere così, come si legge nello specifico studio fatto dall’ing. Vincenzo Abruzzo.

4) uno dei punti critici del trasporto ferroviario per i pendolari viene aggravato dalla concezione della linea Alta Velocità come linea separata: un numero sempre maggiore di treni per il Valdarno, e i pendolari se ne sono già accorti, viene deviato sulla linea “lenta” dopo Rovezzano, cioè via Pontassieve invece che utilizzare la galleria di Incisa.

5) sulla stazione sta emergendo in questi giorni quello che noi diciamo da tempo: ci sono già diverse stazioni esistenti che potrebbero essere utilizzate con i dovuti adeguamenti. Chi dice Campo di Marte, chi Statuto, Castello o Rifredi: dovrà essere deciso sulla base della funzionalità del trasporto, ma evidentemente si dimostra superflua una nuova stazione a 500 metri da Statuto e a 1300 metri da Santa Maria Novella.

6) risparmiare oltre un miliardo di euro scegliendo una soluzione più semplice (e meno impattante per il territorio) consentirebbe di utilizzare in altre parti della rete toscana quelle risorse, di cui il trasporto locale ha disperatamente bisogno: non basta spendere i soldi, bisogna spenderli bene.

Prof. Alberto Ziparo, coordinatore Gruppo di Studio sul passaggio nodo fiorentino Alta Velocità, presso il LAPEI – Dipartimento di Urbanistica, Università di Firenze

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao, ho scoperto il tuo blog cercando notizie sulla TAV. Siccome sto cercando casa mi è stato detto di controllare il tracciato (mi ci manca solo un esproprio o un danno strutturale quando ho finito i soldi per comprare casa .. è la volta che lascio firenze).
Scopro di essere di un'ignoranza abissale, pensavo facessero un tracciato di superficie con tratti in sottopasso ..
invece un mega tunnel
Al di là del fatto che non mi pronuncio perchè ne so troppo poco e non mi va di andare per partito preso ..ma la prima domanda fortissima che mi viene è
"ma se ci è stata imposta la tramvia al posto della metro perchè si diceva che firenze non era scavabile in maniera massiccia, com'è che lo diventa per la tav? e se proprio dobbiamo fare un mega tunnel stile metro perchè allora non farlo per una metro che davvero risolverebbe molti problemi di trasporto urbano e non avremmo avuto la pesantezza, l'utilità relativa, i costi della tramvia?"
mi piacerebbe avere notizie dei comitati su firenze .. puoi darmi notizie di incontri? le pubblichi sul tuo blog?
ciao

Comitato contro il Sottoattraversamento AV di Firenze ha detto...

Caro visitatore le tue perplessità sono le nostre.
Se visiti ancora il nostro blog vedrai che il 19/2 ci sarà una iniziativa in cui spiegheremo i problemi che il progetto delle FS a Firenze sta provocando.
Mi piacerebbe ricordare che il progetto alternativo che sosteniamo come comitato non riguarda solo l'attraversamento il superficie dei treni a lungo percorso, ma contempla l'uso metropolitano delle linee del nodo ferroviario; insomma avremmo già i binari per mezza metropolitana se ci fosse una seria progettazione della mobilità.

Anonimo ha detto...

ho visto appena in tempo la notizia dell'incontro di stasera .. se non sono troppo stanca, vedo di esserci
anche per capire di più
grazie