05 ottobre 2009

Senza badare a spese

Pubblichiamo il seguente documento della Consulta AV di Firenze.
------------------------------------------------


TAV a Firenze

una storia incredibile che sconfina nel ridicolo

Ormai tutti si rendono conto che il “passante ferroviario” è un'opera impossibile da realizzare senza rischi enormi per la città, forse impossibile e basta.

Tutti sanno che le spese per quest'opera saranno stratosferiche.

L'Osservatorio Ambientale, che sta studiando il progetto esecutivo, ha avuto l'incarico di dettare le norme che dovrebbero ridurre al minimo l'impatto sulla falda e i rischi di cedimenti in fase di scavo.

La parola d'ordine è “non badare a spese”, Firenze si deve salvare dai danni che Mugello e Bologna hanno tristemente conosciuto.

E proprio qui sta l'imbroglio: nel “non badare a spese”.

Immaginiamo che questo comandamento faccia felicissimi i costruttori che si vedranno moltiplicare i profitti dovendo eseguire opere fuori da ogni controllo e da ogni trattativa pubblica!

Noi sappiamo invece che la salvezza per Firenze sta solo nell'abbandono di un progetto scriteriato e assurdo.

Ci sono soluzioni alternative che costano una frazione del progetto appaltato!

Alle istituzioni rivolgiamo alcune domande che esigono risposte:

  • Perché non si tiene una sessione del Consiglio Comunale aperto in cui venga seriamente dibattuto il tema del “passante ferroviario”?

  • Se il Sindaco ha seri dubbi su questa opera, perché non ferma i lavori propedeutici che sono già avviati in attesa che la decisione definitiva sia presa?

  • Se la stazione Foster non si costruisse che cosa ne faremo di un'area, quella degli ex Macelli, desertificata e rasa al suolo?

  • Visto che con le prescrizioni dell'Osservatorio Ambientale i costi dell'opera, già alti, andranno fuori controllo, chiediamo: chi ha concesso gli appalti senza che fossero definite le opere di mitigazione, lasciando che i costi andassero alle stelle?

  • La loro è solo incompetenza o forse ci sono interessi che legano decisori politici e costruttori?

  • I responsabili di questo annunciato disastro economico sono ancora al loro posto?

  • Chi ha accettato di far decorrere i termini perché scattassero le penali che dovranno pagare i cittadini?

  • Tutto ciò non è materia di indagine per la Corte dei Conti e per la Magistratura?


Consulta sulla TAV Firenze

Nessun commento: