24 novembre 2010

Un confronto sul Sottoattraversamento di Firenze lo suggerisce anche il giudice

Il Comitato contro il Sottoattraversamento AV di Firenze giudica positivamente il rinvio all'8 febbraio 2011 dell'udienza del processo in corso tra 167 cittadini che temono per la loro dimora e i costruttori dell'opera.
La giudice ha invitato i ricorrenti a fare una istanza di partecipazione all'iter amministrativo presso il Ministero dell'Ambiente (l'Osservatorio Ambientale è decaduto) per valutare tutti i rischi collegati all'opera, tra i tecnici dei cittadini e quelli del Ministero. Questo confronto è molto importante, anche in considerazione del fatto che il numero degli interessati ai possibili danni derivanti dall'opera è ben superiore a quello dei ricorrenti e che il coinvolgimento della popolazione è di carattere generale.
Un confronto con le istituzioni è quanto viene chiesto da anni dal Comitato che ha sempre trovato porte chiuse e orecchie sorde; adesso che un organo della Magistratura ritiene opportuno che un dibattito ci deve essere - visto che non c'è mai stato - si vedrà se la risposta sarà solo e sempre silenzio o slogan privi di significato.

Nessun commento: