29 giugno 2011

Comunicato stampa
Italia Nostra e Comitato contro il sottoattraversamento AV di Firenze ricevuti al Ministero delle Infrastrutture
"TERRE DI SCAVO TUNNEL TAV SONO 'RIFIUTI SPECIALI', UN PROBLEMA IRRISOLVIBILE, SECONDO IL MINISTERO INFRASTRUTTURE"

Una delegazione composta da Italia Nostra e dal Comitato contro il sottoattraversamento AV di Firenze, col supporto tecnico dell’ing. Massimo Perini è stata ricevuta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. L’ing. Ercole Incalza, capo della struttura tecnica di Missione, ha ripercorso l’iter delle 8 soluzioni valutate nel corso degli anni, dal '94 in poi, per risolvere il passaggio dell’Alta Velocità a Firenze. Per ciò che riguarda la situazione attuale il rappresentante del Ministro Matteoli, ha riconosciuto la fondatezza delle criticità da noi sollevate nelle lettere inviate alla Regione Toscana e al Ministero:
La questione dell’intercettazione della falda, la carenza di progettazione antisismica, le interferenze con l’edificato, in particolare è apparsa subito in tutta la sua gravità la questione dell’enorme massa degli smarini (3 miloni di metri cubi) dello scavo delle gallerie, che dovrebbero essere impiegati per “riqualificare” l’ex cava di Santa Barbara nel comune di Cavriglia. Per quest’ultimo aspetto l’ing.Incalza ha convenuto che il problema è al momento irrisolvibile, dato che si tratta di ‘rifiuti speciali’ e non di pietrisco o materiale altrimenti utilizzabile, come previsto dal decreto VIA.
Italia Nostra e il Comitato fiorentino hanno perciò ribadito la richiesta di fermare immediatamente i lavori, per evitare ulteriore spreco di fondi pubblici e proposto di abbandonare il progetto di sottoattraversamento a vantaggio di soluzioni di superficie molto meno invasive dal punto di vista ambientale e dai costi assai ridotti.
E' stato ricordato che la stazione Foster, prevista nell’attuale progetto, non è stata sottoposta a VIA ed è stato sostenuto che la ricontrattazione delle penali, per la mancata esecuzione delle gallerie, potrebbe essere la via d’uscita per evitare l’impasse attuale. Nuove riunioni col Ministero sono previste per un tavolo di confronto che si è finalmente aperto, già a partire dalla prossima settimana.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Rifiuti speciali? E' uno scandalo, avete ragione. Solo in Italia si può definire rifiuto speciale una terra di scavo. In tutte le altre parti del mondo, il materiale proveniente dallo scavo di gallerie con medesime tecnologie, viene riutilizzato per creare isole artificiali (come ad es. in Canada).
Sono al vostro fianco per questa battaglia. E' assurdo spercare denaro pubblico e conferire a discarica il materiale di scavo delle gallerie di Firenze. Sono con voi.