04 maggio 2013

GUASTI ALLE PORTE E DEGRADO DEL SERVIZO BASE

riceviamo la segnalazione di questo convegno organizzato dalla Confederazione Unitaria di Base (CUB)

*********


GUASTI ALLE PORTE E DEGRADO DEL SERVIZO BASE

Il Sistema di Comando e Controllo Centralizzato delle Porte, obbligatorio dal 1 gennaio 2013 per tutti i treni viaggiatori, ha comportato e sta comportando soprattutto nel servizio base (IC, ICN, EXP) situazioni pericolose e fatali. Come CUB Trasporti vogliamo mantenere alto il livello di guardia sulla sicurezza dei viaggiatori e del personale ferroviario, continuando il percorso intrapreso con la Lettera e la risposta ANSF e proseguendo l'azione congiunta di molte RSU\RLS d'Italia, al fine di ottenere interventi rapidi e risolutivi. Intendiamo anche mettere in discussione il processo di liberalizzazione delle Ferrovie ed i tagli continui ai Servizi Pubblici, rilanciando la necessità di un Servizio di Trasporto Ferroviario Pubblico e Popolare. Questo convegno e le prossime iniziative che la CUB metterà in campo si rivolgano ai lavoratori, agli utenti ed ai cittadini, per perseguire insieme il Diritto Costituzionale alla Mobilità; una battaglia che oggi diventa anche tutela di Integrità e di Sicurezza per tutti noi.

Convegno:
PORTE E SICUREZZA:
OMBRE E CONSEGUENZE DELLA PRIVATIZZAZIONE FERROVIARIA
Mercoledì 8 Maggio 2013 ore 16.30
presso
Saloncino DLF Firenze SMN
VIA ALAMANNI 4
Interventi
QUADRO GENERALE POLITICO-SINDACALE
Maurizio Barsella (CUB Nazionale)

LO SGOMENTO DEGLI OPERATORI: RISCHI, RESPONSABILITÀ, ESPERIENZE VISSUTE
Beppe Pinto (RLS Personale Bordo Bologna)

OFFICINE E MANUTENZIONE: I TAGLI E LE PROSPETTIVE
Danilo Sarti (RLS Manutenzione Firenze)

LIBERALIZZAZIONE E PRIVATIZZAZIONE FERROVIARIA
Felice Pasquale (Gruppo di Studio e Ricerca Politiche dei Trasporti )

IL PUNTO DI VISTA DEI VIAGGIATORI
Maurizio Da Re (Comitato Pendolari Valdarno ), ACU associazione consumatori

PROSPETTIVE DEL TRASPORTO FERROVIARIO E IMPEGNO SINDACALE
Alessandro Pellegatta (RLS Personale Macchina Milano)

DIBATTITO APERTO


Nessun commento: