18 novembre 2016

COMUNICATO STAMPA


Il Comitato No Tunnel TAV esprime solidarietà ai lavoratori dei cantieri ai Macelli

Una delegazione del Comitato No Tunnel TAV di Firenze ha consegnato oggi, durante la pausa pranzo, una lettera aperta ai lavoratori dei cantieri ai Macelli che rischiano il posto di lavoro.
Nella lettera si esprima solidarietà a chi vede incerto il proprio futuro e ricorda che i problemi ai cantieri derivano dalla pessima progettazione.
Il Comitato che da anni denuncia l’insostenibilità ambientale, economica dell’opera rammenta ai lavoratori che è stato elaborato un progetto di potenziamento delle linee di superficie che garantirebbe molti più posti di lavoro piuttosto dello scavo di gallerie.
Il Comitato invita a collaborare ad una progettazione partecipata tra cittadini destinatari delle opere e lavoratori del settore per rifuggire ai ricatti della lobby delle costruzioni che impongono solo i loro interessi ad una classe politica senza idee.
Di seguito il testo della lettera.

Comitato No Tunnel TAV Firenze
338 3092948

**********

I LAVORATORI NON DEVONO PAGARE PER UN PROGETTO SBAGLIATO
LETTERA APERTA AI LAVORATORI DEI CANTIERI TAV


Care/i amiche/i e compagne/i,
ci rivolgiamo a voi prima di tutto per esprimervi la nostra solidarietà ed il nostro sostegno alla vostra giusta rivendicazione di tutelare il lavoro e il vostro salario. Capiamo il vostro stato d’animo perché anche noi siamo lavoratori/trici, pensionati, precari o disoccupati. Vi siamo realmente vicini, non solo a parole.
Infatti, nella nostra lotta ad un’opera che riteniamo inutile e dannosa, abbiamo elaborato, con la collaborazione dell’Università di Firenze, un progetto alternativo di potenziamento di tutto il sistema ferroviario del nodo. I lavori necessari ad attuarlo richiederebbero molti meno soldi, un bassissimo impatto sulla città, molti più posti di lavoro sia in fase di cantierizzazione, sia a lavori ultimati.
Sappiamo che i dirigenti delle aziende per cui lavorate ci dipingono come coloro che non vogliono farvi lavorare, i vostri principali nemici. Invece non è così.
Che il progetto di Passante TAV fosse un’opera mal progettata lo abbiamo visto subito e lo abbiamo denunciato; che ci fossero problemi è emerso da subito con continue sospensioni dei lavori e anche a seguito di due inchieste della magistratura che hanno mostrato come ci siano state perfino truffe nella fornitura dei materiali di qualità scadente; addirittura la prima fresa è stata montata pur sapendo che non avrebbe potuto scavare perché priva di alcune parti!
Adesso pare che le Ferrovie stesse si accorgano che affrontare lo scavo sotto la città creerebbe molti più problemi di quanti ne risolverebbe e vorrebbero trovare una soluzione più semplice; questo non accade per causa nostra, ma perché il progetto a cui state lavorando ha enormi lacune progettuali.
Sono queste lacune del progetto le vere nemiche del vostro lavoro, non noi che le denunciamo da oltre 10 anni.
In alternativa a due buchi sotto Firenze noi proponiamo la creazione di nuovi tronchi ferroviari che garantiscano un efficiente trasporto regionale nell’area metropolitana, la risistemazione delle stazioni esistenti, la velocizzazione delle linee regionali. Queste opere creerebbero molti più posti di lavoro nel vostro settore.
Il vostro diritto ad un salario decente viene utilizzato dai costruttori (Condotte SpA, cioè Caltagirone) come arma di ricatto per garantirsi profitti altissimi creando pochissimi posti di lavoro!
Noi proponiamo da sempre una progettazione partecipata sia dai cittadini destinatari dell’opera, sia dai lavoratori stessi, togliendo di mano la gestione di enormi risorse finanziarie alla lobby delle grandi imprese di costruzione che impongono ad un meschino sistema politico solo i loro interessi.
I vostri interessi coincidono con i nostri: rivendichiamo lavoro con salari dignitosi, opere che siano utili alla collettività e non solo per il profitto di pochi.
Chi vi dice che siamo vostri nemici mente e vi prende in giro.

In solidarietà,
Alma, Sandro, Martina, Tiziano, Giovanna, Fernando, Arrigo… il Comitato No Tunnel TAV

Firenze 18 novembre 2016

Nessun commento: